Milano

Contrariamente a ciò che si pensa, la campagna che circonda Milano è ancora oggi sostanzialmente agricola, in quanto l'area più edificata ha interessato soltanto la periferia settentrionale. Il Naviglio Grande, canale artificiale realizzato nel Medioevo (primo in Europa nel suo genere) collega la città col fiume Ticino ad ovest, per una lunghezza di circa 60 km. Una bella pista ciclabile ne costeggia interamente la riva, comodamente attrezzata, immersa nella natura e nella storia lombarda. Un viaggio lungo il Naviglio, dal Ticino alla Darsena, può aiutare
a capire meglio la metropoli e il suo legame col territorio circostante.
Nella foto: tratto di sponda a Robecco, nei pressi di Villa Gaia.

Robecco: Palazzo Archinto, residenza nobiliare risalente al '600, oggi biblioteca comunale.

A sinistra: un'altra veduta di Robecco e di Palazzo Archinto. A destra: vecchio ponte a Cuggiono.
Il paesaggio è vagamente simile ai castelli tedeschi lungo il Reno, in un grazioso formato "mignon".

Romanticismo fluviale: pranzi di matrimono e ristoranti rivieraschi.

Villa Clerici, a Cuggiono, è la gemella di Villa Carlotta a Tremezzo. Costruita dalla stessa famiglia nobiliare dei Clerici, presenta sul davanti un'identica rampa di scale. Non ebbe però la stessa fortuna della villa lacustre: trasformata in una filanda e in seguito abbandonata, oggi è un'autentica "villa fantasma".

L'estate è afosa nella pianura: ci vuole un bagno rinfrescante!

Boffalora sopra Ticino. A destra: il Barchett è stato ricostruito sul disegno originale del '700.

Questa foto ritrae uno dei vecchi "mercantili" che trasportavano le merci in città. Il materiale per le costruzioni, compresa la pietra necessaria per il Duomo, veniva caricato su queste lentissime chiatte,
anticamente trainate da cavalli. L'ultimo viaggio risale al 1979.

Casa colonica con giardino mediterraneo.

Oasi di verde. A destra: un tramonto di giugno.

La pista ciclabile funziona come una piccola autostrada e a volte ne ha tutto l'aspetto. Il lungo rettilineo da Abbiategrasso a Milano attraversa estesi campi coltivati, dove forte è l'odore della campagna.
La strada con le automobili percorre il lato opposto della sponda.

Il graduale infittirsi dei palazzi, i milanesi che fanno jogging, le barche della Canottieri e i primi tram che fanno capolino lungo la riva segnalano l'arrivo in città.

  • La chiesa di San Cristoforo. A destra, il famoso ponte in cemento granigliato,
    inizialmente noto come Ponte della Madonnina.

I locali sul Naviglio all'ora di cena, in estate.

Fotografi, pittori e antiquari nel quartiere degli artisti. Foto a lato: il vecchio lavatoio.

  • Alla fine della giornata si ritorna verso il Duomo, risalendo dalla Darsena
    a Porta Ticinese, con le colonne di San Lorenzo.

Bicicletta sui treni di Trenord.

Milano